HOME



IL MICROSCOPIO
150° anniversario del'Unità d'Italia: i calciatori italiani nella Premier League


Per festeggiare il centocinquantesimo anniversario dell’unita d’Italia vedremo quali calciatori italiani hanno giocato nel campionato inglese da quando èe stato rinominato Premier League.

La lista, come prevedibile visto l’alto livello dei giocatori italiani, è lunga: tra i più famosi troviamo grandi nomi come Vialli, Di Canio, Zola, Ravanelli, Maccarone, Di Matteo e tanti altri ancora. Il boom degli italiani in Inghilterra è avvenuto verso la finedegli anni 90’ e non a caso. In quel periodo la Serie A rappresentava ancora il torneo più difficile ed evoluto del calcio mondiale mentre nella Premier cominciavano i primi grandi investimenti economici che hanno portato nella terra d’Albione campioni come appunto Zola, Vialli o Casiraghi.


Ecco una nostra personale classifica degli italiani che hanno avuto più successo in Premier:
5 posto: Cudicini
In una terra dove i bravi portieri sono più rari dell’oro il buon Cudicini, supportato da una buona anche se non eccellente tecnica, ha impressionato molto l’ambiente calcistico d’oltremanica, tanto che qualche anno fa qualcuno lo propose pubblicamente per la porta della nazionale inglese; proposta ovviamente irrealizzabile poiché pur non avendo mai giocato nella nazionale italiana Cudicini è tesserabile solo dall’Italia.


4 posto: Di Canio
Un fascista in Inghilterra non poteva certo passare inosservato: oltre che per le sue giocate e la sua grinta l’ex laziale sarà sempre ricordato dagli inglesi per le polemiche che hanno contrassegnato la sua avventura oltremanica. Il suo carattere aggressivo, i suoi litigi con giocatori e giornalisti ma soprattutto lo spintone che diede all’arbitro Alcock che cadde rovinosamente (e goffamente) a terra gli costò l’odio di tutta la nazione (oltre che una maxi squalifica). Di Canio fu cosi un giocatore molto amato (dai suoi tifosi) per la sua tecnica e la sua grinta ma contemporaneamente molto odiato per il suo carattere e, purtroppo, anche per il pregiudizio che certa parte della popolazione inglese ha verso gli italiani. Di Canio giocò con il West Ham, lo Sheffield Wednesday e il Charlton


3 posto: Ravanelli
Reduce dal trionfo europeo con la Juventus sopra l’Ajax nella finale della Coppa Campioni del 96’, Ravanelli ( o ‘silver fox’ – volpe d’argento - come lo avevano soprannominato gli inglesi) sbarcò in Inghilterra nella stagione 96/97 andando nel Middlesbrough, piccolo club di periferia. Nonostante abbia giocato una sola stagione Fabrizio è riuscito a lasciare il segno collezionando un buon bottino: 17 reti in 34 reti. Memorabile fu il suo esordio segnato da una tripletta realizzata contro il Liverpool! Ravanelli sfiorò anche la vittoria della League Cup perdendo in finale contro il Leicester. Sarebbe stato il primo trofeo nella storia del club.


2 posto: Vialli
Luca Vialli fu il primo e probabilmente unico player manager italiano nella storia del calcio inglese. Per chi non lo sapesse il player manager è un un allenatore che fa contemporaneamente anche il calciatore. Oggi è una figura scomparsa ma fino agli anni ’90, quando il calcio inglese era ancora uno sport e non una macchinazione guidata dal mafioso abramovich, c’era sempre qualche squadra che affidava la panchina ad un giocatore esperto e ancora in grado di giocare, come Vialli appunto. E proprio con Vialli nel ruolo di player manager il chelsea vinse la sua seconda Coppa delle Coppe contro lo Stoccarda. Vialli ha giocato e allenato il chelsea dal 1996 al 2000 vincendo una Coppa delle Coppe, 2 FA Cup,una Coppa di lega e una Supercoppa europea. Ha segnato 21 gol in 58 partite. Nel 2001 ha allenato il Watford in seconda divisione, purtroppo con scarsi risultati.


1 posto: Zola
Se chiedete ad un inglese cosa ama di più dell’Italia non risponderà il cibo, l’arte o le donne, ma dirà: Gianfranco Zola. Raramente un calciatore straniero è riuscito ad entrare così tanto nel cuore degli appassionati inglesi di calcio. E ancora più straordinario è il fatto che questo non riguarda solo i tifosi del club per cui ha giocato, il chelsea, ma un poco tutti i tifosi d’Inghilterra. Le ragioni di tanto affetto sono state due. La prima è stata la grande tecnica e visione di gioco di Zola, che hanno incantato tutti gli stadi inglesi. La seconda è stata la sua semplicità, la sua umiltà e sportività d’animo. Gianfranco non è mai stato coinvolto in nessuna polemica, nessuno lo ha mai potuto accusare di simulazione, di gioco violento o di un qualsiasi atteggiamento antisportivo. Ma soprattutto Zola non ha mai mostrato segni di arroganza o di superiorità nel suo comportamento, nonostante la sua tecnica fosse di gran lunga superiore alla media della Premier League degli anni ’90. Per questo non dobbiamo meravigliarci se anche dopo diversi anni dal suo addio al calcio inglese, un signore di Londra confessò ad una televisione italiana di aver organizzato le vacanze della sua famiglia in Sardegna con l’unico scopo di incontrare il suo beniamino, il piccolo grande Gianfranco Zola. Zola ha giocato nel chelsea vincendo una Coppa Coppe nel 98 (grazie anche ad un suo gol che realizzò entrando dalla panchina al 70’), 2 Fa Cup, una Coppa di Lega e una Supercoppa europea. Ha giocato 229 partite realizzando 59 gol, alcuni dei quali sono tra i più belli nella storia del calcio inglese.


E questa è la lista completa dei giocatori italiani nella storia della Premier:
Gabriele Ambrosetti – Chelsea F.C. – 1999–2000
Marco Ambrosio – Chelsea F.C. – 2003–04
Lorenzo Amoruso – Blackburn Rovers F.C. – 2003–05
Alberto Aquilani – Liverpool F.C. – 2009–10
Dino Baggio – Blackburn Rovers F.C. – 2003–04
Francesco Baiano – Derby County F.C. – 1997–2000
Mario Balotelli - Manchester City F.C. - 2010-2011
Nicola Berti – Tottenham Hotspur F.C. – 1997–99
Rolando Bianchi – Manchester City F.C. – 2007–08
Patrizio Billio – Crystal Palace F.C. – 1997–98
Ivano Bonetti – Crystal Palace F.C. – 1997–98
Fabio Borini – Chelsea F.C. – 2009–10
Marco Branca – Middlesbrough F.C. – 1998–99
Benito Carbone – Sheffield Wednesday F.C., Aston Villa F.C., Bradford City A.F.C., Derby County F.C., Middlesbrough F.C. – 1996–02
Pierluigi Casiraghi – Chelsea F.C. – 1998–99
Bernardo Corradi – Manchester City F.C. – 2006–07
Carlo Cudicini – Chelsea F.C., Tottenham Hotspur F.C. – 1999–09
Daniele Daino – Derby County F.C. – 2001–02
Samuele Dalla Bona – Chelsea F.C. – 1999–02
Alessandro Diamanti – West Ham United F.C. – 2009–10
Paolo Di Canio – Sheffield Wednesday F.C., West Ham United F.C., Charlton Athletic F.C. – 1997–04
Roberto Di Matteo – Chelsea F.C. – 1996–01
David Di Michele – West Ham United F.C. – 2008–09
Andrea Dossena – Liverpool F.C. – 2008–10
Stefano Eranio – Derby County F.C. – 1997–01
Matteo Ferrari – Everton F.C. – 2005–06
Gianluca Festa – Middlesbrough F.C. – 1996–97, 1998–02
Stefano Gioacchini – Coventry City F.C. – 1998–99
Corrado Grabbi – Blackburn Rovers F.C. – 2001–04
Attilio Lombardo – Crystal Palace F.C. – 1997–98
Arturo Lupoli – Arsenal F.C. – 2005–06
Massimo Maccarone – Middlesbrough F.C. – 2002–04, 2005–07
Federico Macheda – Manchester United F.C. – 2008–09
Roberto Mancini – Leicester City F.C. – 2000–01
Vito Mannone – Arsenal F.C. – 2008–09
Dario Marcolin – Blackburn Rovers F.C. – 1998–99
Marco Materazzi – Everton F.C. – 1998–99
Vincenzo Montella – Fulham F.C. – 2006–07
Stefano Okaka Chuka - Fulham F.C. - 2010
Daniele Padelli – Liverpool F.C. – 2006–07
Michele Padovano – Crystal Palace F.C. – 1997–98
Christian Panucci – Chelsea F.C. – 2000–01
Alessandro Pistone – Newcastle United F.C., Everton F.C. – 1997–06
Fabrizio Ravanelli – Middlesbrough F.C., Derby County F.C. – 1996–97, 2001–02
Giuseppe Rossi – Manchester United F.C., Newcastle United F.C. – 2005–07
Francesco Sanetti – Sheffield Wednesday F.C. – 1997–99
Matteo Sereni – Ipswich Town F.C. – 2001–02
Andrea Silenzi – Nottingham Forest F.C. – 1995–97
Massimo Taibi – Manchester United F.C. – 1999–2000
Paolo Tramezzani – Tottenham Hotspur F.C. – 1998–99
Nicola Ventola – Crystal Palace F.C. – 2004–05
Gianluca Vialli – Chelsea F.C. – 1996–99
Gianfranco Zola – Chelsea F.C. – 1996–03